TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



VENERDÌ 11 GIUGNO 2021 - STAMPA

DIARIO SPORT – ANCELOTTI VUOLE FABIAN, MA IL NAPOLI CHIEDE 60 MILIONI E ATTENDE EURO 2020 PER AUMENTARE IL PREZZO


Il giocatore che vale 45 milioni secondo Transfermarkt, vuol tornare in Spagna, ma se il Napoli non abbassa le pretese nessun club di Liga metterà mano alla cassa


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: Sport.es

Fabian Ruiz è sempre stato nella lista del Real Madrid, già da quando lasciò il Betis per andare al Napoli tre anni fa. Inoltre Barcellona e Atletico Madrid anche si sono interessati al centrocampista andaluso, ma il club azzurro si rifiutò di cederlo o lo ha fatto a cifre impossibili per impedire che accadesse. La sua  qualità è fuori discussione, dotato di un gran sinistro e grande capacità costruttiva.

Però il tempo passa ed il giocatore è deciso a tornare al calcio spagnolo e a mettere fine alla sua esperienza in Italia. I tre grandi continuano a tenerlo nel mirino, ma non a qualsiasi prezzo. Il Real Madrid ha rafforzato tale interesse con l’arrivo di Carlo Ancelotti, che è stato suo allenatore al Napoli e lo conosce bene. È stato nella sua prima stagione in azzurro, dove ha giocato 59 partite e ha messo a segno 8 gol, forse la sua miglior stagione con i partenopei. 

FABIAN NON VUOL RINNOVARE

È stato Ancelotti a suggerire a Florentino Pérez l’ingaggio di Fabian per rinforzare la mediana, linea nella quale si ritrova a corto di elementi e giocatori  veterani. ‘Carletto’ tenta il giocatore per tornare ad averlo ai suoi ordini, anche se tutto sembra più un desiderio che una realtà perché il Napoli non tratterà la sua uscita fino alla fine degli Europei. Il club azzurro attende infatti che si rivalorizzi per chiedere più soldi. La qual cosa sarebbe un problema in più.

Il giocatore si rifiuta di rinnovare da un po’ di tempo e il club lo ha messo sul mercato al prezzo di 60 milioni di euro. Una cifra gonfiata perché il suo valore di mercato è, secondo Transfermarkt, di 45 milioni, una somma più ragionevole di questi 60 e i 100 che richiedeva il presidente de Laurentiis un paio di stagioni fa. Se non abbasserà il prezzo nessuno dei club spagnoli sarà disposto a spendere per il pezzo in vetrina, in epoca di crisi, a meno che non si trovi una via di finanziamento interessante o non sia accettata la contropartita in giocatori.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO IN LINGUA ORIGINALE