TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



GIOVEDÌ 7 FEBBRAIO 2019 - NEWS

UEFA – CEFERIN RIELETTO PRESIDENTE: “CALCIO SPORT NUMERO UNO; ADATTEREMO IL FFP PER PROMUOVERE LO SVILUPPO DI TUTTI I CLUB”


Il presidente uscente è stato eletto per acclamazione all’unanimità


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: Calcio e Finanza

Il 43° Congresso ordinario della UEFA in corso a Roma ha rieletto per acclamazione all’unanimità il presidente uscente Aleksander Ceferin a capo dell’organismo europeo di calcio per il prossimo quadriennio, fino al 2023.

LA UEFA LAVORA AL LANCIO DI UNA TELEVISIONE PROPRIA

Il dirigente sportivo sloveno, al suo secondo mandato, è a capo dell’UEFA dal settembre 2016. Appena rieletto, Ceferin ha commentato: «Adesso cosa accadrà nei prossimi quattro anni? L’errore sarebbe sederci sugli allori. È vero che ci troviamo in una situazione estremamente positiva, ma non è sufficiente. Dobbiamo cercare di fare sempre di più: faremo in modo che la Nations League sia un successo strepitoso e che diventi un vero e proprio torneo di riferimento per le nazionali. Inoltre, faremo in modo di riportare il Mondiale del 2030 nel nostro continente dopo il successo di Russia 2018».

Ceferin ha poi aggiunto: «Siamo pronti a lavorare con la Fifa per consentire che il calcio rimanga lo sport numero uno al mondo. Lavoreremo di pari passo con l’Eca per dare forma ai nuovi tornei del futuro, che devono essere sempre aggiornati e al passo coi tempi», in cui ci sarà spazio e diritto per tutte le 55 federazioni europee di qualificarsi». 

Ceferin ha inoltre annunciato che «nei prossimi 6 mesi la Uefa lancerà la propria piattaforma digitale, è in corso una rivoluzione e stiamo concordando un partenariato storico con le aziende di questo settore» e che presto «adatteremo le regole del Fair Play Finanziario affinché tutti i club possano approfittare delle possibilità di sviluppo. Farò in modo che il calcio europeo continui a crescere e venga rispettato da tutti, faremo sì che il calcio europeo vada controcorrente rispetto alle tendenze dell'Europa di oggi», ha quindi concluso Ceferin.