TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



SABATO 14 DICEMBRE 2019 - VIDEO

NAPOLI, GATTUSO IN CONFERENZA STAMPA: «NESSUNA SFORTUNA, È UNA SQUADRA CHE STA SOFFRENDO SUL PIANO MENTALE»


Così il neo tecnico azzurro


 
     
0


A cura di: Redazione
Fonte: Tuttomercatoweb

Inizia male l’avventura di Rino Gattuso sulla panchina del Napoli, sconfitto al San Paolo dal Parma. Ecco le parole in conferenza stampa del nuovo tecnico dei partenopei.

A volte la generosità non paga, per tentare di vincere poi si è perso...

"Vero, ma per noi era importante vincere. In questi giorni abbiamo lavorato sul 4-3-3, poi abbiamo provato a giocare 4-2-4 per ribaltarla. Non credo sia giusto parlare di fortuna, credo che lo specchio del momento siano i primi 10 minuti. È una squadra che sta soffrendo sul piano mentale, è una squadra che non è abituata a non vincere per così tanto tempo. Questi calciatori sono abituati a vivere campionati di alto livello e questo lo stanno pagando".

Sulla scelta di far partire Mertens dalla panchina, il suo ingresso ha dato una scossa...

"Vero, ha dato una scossa ma in questo momento la squadra ha bisogno di trovare equilibrio. Da parte mia c'è la consapevolezza di avere a disposizione grandissimi giocatori, ma devo decidere se farli giocare tutti insieme o avere maggiore equilibrio".

Da dove nasce questo squilibrio?

"A me non piace che i due terzini spingano insieme, noi abbiamo fatto questo perchè volevamo rimontare ma così non hai equilibrio ed alla fine lo abbiamo pagato".

Si sente di lanciare un messaggio ai tifosi per sostenere la squadra?

"Faccio tutti i messaggi che volete, ma ci sta che qualcuno venga rischiato. Oggi il responsabile di questa sconfitta sono io e mi prendo tutte le colpe. Ci possono stare i fischi perchè i risultati non sono quelli che ci si aspettava".

Possibile pensare ad Elmas da affiancare ad Allan per avere maggiore solidità?
"Allan nelle ultime due settimane si allenato pochissimo per dei problemi fisici. Noi dobbiamo avere gente che sta bene, che ci dia continuità, Stasera abbiamo fatto fatica, non è una questione solo di uomini. Ne abbiamo quattro in mediana, c'è Gaetano che in carriera ha fatto un altro ruolo, quindi ho bisogno di tutti. Oggi la mia più grande preoccupazione è far tornare serenità in questa squadra. Non voglio sentire la parola sfiga o sfortuna. Penso che con un pizzico di malizia in più si possa fare meglio".

Pensa di dover lavorare molto sulla fase di costruzione dal basso?

"Non solo su quello, bisogna lavorare su tanti aspetti. Sicuramente potevamo costruire meglio l'azione, ma fa parte sempre della componente emotiva. Parte tutto dalla testa e dalla convinzione, questa squadra deve liberarsi e tornare a fare il calcio che ha fatto per tanto tempo".