TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



MERCOLEDÌ 4 OTTOBRE 2017 - SQUADRA

MARKO ROG A CACCIA DI SPAZIO


Scarso il suo impiego con Maurizio Sarri


 
     
0


A cura di: Redazione
Fonte: Calciomercato.it

Il Napoli ha puntato molto sui giovani nel corso di questi anni, spesso con successo. Si pensi a Koulibaly, oggi un centrale affermato a livello internazionale, seguito da molti top club. Benitez lo volle, quando era ancora soltanto una promessa al Genk. Oggi invece la rosa di Sarri vanta gli esperimenti riusciti con Diawara, Zielinski e Hysaj, tutti alla prima esperienza in un grande club ambizioso. Alla lista andrebbe di diritto aggiunto Milik, che ha già mostrato le proprie doti, ma per lui il giudizio non può che essere rinviato, uno completo almeno, data la sfortuna del giocatore, fermatosi per un infortunio al crociato all'inizio di entrambe le stagioni azzurre. 

Un altro talento di giovane età sul quale De Laurentiis ha puntato però è Marko Rog. Classe '95, ex Dinamo Zagabria, del quale si è discusso molto lo scorso anno perché, stando alle voci nell'ambiente azzurro, il presidente avrebbe voluto vederlo maggiormente in campo, chiamando Sarri a valorizzarlo maggiormente. In funzione di un automatismo totale della propria squadra però, il tecnico toscano impiega sempre un po' di tempo prima di inserire pienamente un giocatore nei propri schemi. Accade con i nuovi arrivati e anche con alcuni della vecchia guardia, quasi messi da parte in certi periodi, per sfruttare pienamente l'ottimo stato di forma di altri compagni. Si pensi ad Allan per esempio, sfruttato 'poco' lo scorso anno, al punto da scatenare qualche lamentela e voce di mercato. 

Giunto nel calciomercato Napoli della stagione 2016-17, Rog ha accettato il gran salto nel Napoli, consapevole del fatto che avrebbe dovuto faticare per trovare spazio, passando di fatto dall'essere titolare alla panchina. Subito entrato nel cuore dei tifosi, ha mostrato sprazzi del proprio talento ma, senza la giusta continuità, pare difficile possa davvero imporsi in maglia azzurra. Al suo primo anno Sarri lo ha sfruttato per un totale di 591', con 15 presenze in serie A (374' in totale), 2 presenze in Champions League (44' in totale) e altrettante in Coppa Italia (173' in totale). Con i soli match di qualificazione con la Dinamo ha collezionato un minutaggio quasi pari a quello partenopeo, con 551' suddivisi in sei sfide. La media del suo utilizzo è di 30' circa, media calata drasticamente, almeno per ora, in questa sua seconda stagione napoletana. Durante il calciomercato estivo il Napoli ha confermato quasi tutta la propria rosa, ribadendo la propria fiducia in lui.

In questa nuova annata lo si è visto in campo in otto gare, due volte contro il Nizza nelle qualificazioni Champions, per un totale di 24', una ai gironi, per 17'. Ancora una volta le presenze maggiori riguardano il campionato, con cinque apparizioni su sette match. Un gol segnato ma soltanto 69' concessi, per una media generale che sfiora ma non tocca i 14' a partita. Se l'apprendistato può dirsi ormai concluso, Rog non trova spazio come Diawara Zielinski, colleghi di reparto giudicati maggiormente pronti. Impossibile parlare d'età, dal momento che l'ex Bologna ha due anni in meno. Rog compirà 23 anni nel 2018 e pare difficile pensare che possa accettare un ruolo di ripiego per la terza stagione consecutiva. Se gli equilibri non dovessero cambiare in queste stagione, ancora molto lunga e ricca di impegni (con Sarri che sta dimostrando di far maggiore affidamento sui non 'titolarissimi'), Rog potrebbe iniziare a guardarsi intorno. Non mancavano pretendenti per lui nell'estate del 2016 e, anche in serie A, ci sarebbero squadre alla ricerca di un centrocampista con le sue caratteristiche. L'ex Dinamo è giovane, molto tecnico e fisico, in grado di difendere, attaccare l'area avversaria, impostare il gioco e muoversi da centrale, mezz'ala e, all'occorrenza, adattarsi come esterno. 

Un vero gioiello dunque, che per ora il Napoli non fa brillare. Roma Juventus sono alla ricerca di centrocampisti e, per quanto improbabile ragionare in merito a una trattativa tra acerrime rivali, a De Laurentiis e soprattutto al giocatore potrebbero giungere offerte intriganti. Inoltre, ad alimentare tale scenario, in casa bianconera è presente Pjaca, che Rog conosce bene. Ricreare quella coppia a Torino potrebbe portare benefici ad Allegri e al suo gioco.