TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



DOMENICA 3 FEBBRAIO 2019 - STAMPA

IL MATTINO - NAPOLI, RISCATTO CON TANTA QUALITÀ MA SENZA HAMSIK SI APRE UN BUCO


Ancelotti dovrà gestire con cura il vuoto che lascerà lo slovacco


 
     
0


A cura di: Myriam Novità
Fonte: ilmattino.it

Il riscatto del Napoli dopo l’amarezza della esclusione dalla Coppa Italia: la Samp di Quagliarella travolta. Questo cambiamento si spiega con l'orgoglio della squadra ma soprattutto con due elementi tattici: il rientro di Hamsik ad alti livelli e gli spazi concessi dalla Samp e sfruttati benissimo dagli azzurri.

Il regista ha riportato ordine ed equilibrio a centrocampo, dove si è rivista una copia di Allan abbastanza simile a quella del brasiliano apprezzato in queste stagioni e corteggiato dal Paris St. Germain. Prezioso il lavoro di cucitura tra i reparti, il capitano pronto ad abbassarsi davanti alla difesa e a ripartire per appoggiare il pallone agli esterni. E infatti Marek ha dato il via all'azione del primo gol con uno spettacolare lancio per Callejon, lo spagnolo che ha fornito due assist perfetti per Milik (12 reti in campionato) e Insigne, tornato a segnare dopo 88 giorni, una lunga attesa che si è sciolta nell'abbraccio con Ancelotti. Ma questo Hamsik, il recordman azzurro per numero di partite e gol, è al passo di addio perché sta per accettare la maxi-offerta dei cinesi del Dalian, 27 milioni in tre anni. E stavolta De Laurentiis lo lascerà partire, come ha fatto capire il tecnico nel post partita. Un'ombra sul futuro del Napoli, che però vuole «accontentare» è il verbo adoperato da Carlo - il suo capitano. Si andrà avanti con i giovani Fabian, Diawara e Zielinski (soprattutto lui, il polacco designato erede di Marek da almeno due anni). Ma per il popolo azzurro, che aveva rischiato di veder partire Allan, questo è uno choc che Ancelotti dovrà gestire con cura. È difficile accettare che lo slovacco vada altrove dopo una sontuosa partita come quella contro la Samp, peraltro con un mercato chiuso che neanche numericamente consentirebbe a De Laurentiis - ammesso che ne avesse l'intenzione - di inserire un altro giocatore nella batteria dei centrocampisti.