TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



GIOVEDÌ 17 MAGGIO 2018 - STAMPA

IL MATTINO: “SARRI TACE”


"Sarri e il Napoli non hanno ancora trovato un'intesa per la permanenza del tecnico. Una permanenza che deve essere convinta e non forzata”


 
     
0


A cura di: Maria Felicia Rosaria Del Pennino
Fonte: Il mattino

L’incontro tra De Laurentiis e Sarri avrebbe dovuto tenersi a Castel Volturno ma il rallentamento del treno, in arrivo da Roma con De Laurentiis e l'ad Chiavelli, era in ritardo così da costringere il ds Giuntoli insieme allo stesso Sarri ed Edo De Laurentiis a cambiare destinazione del luogo e avviarsi verso la villetta del mister . Non c’era l’agente Alessandro Pellegrini, forse il segnale che si sia trattato di una preriunion non definitiva.

Uno stralcio dell’articolo del Mattino evidenziato da napolicalcionews.it:

“Sarri tace. Ascolta con la mano appoggiata sul mento per un'oretta circa le frasi di De Laurentiis ma non dà la risposta che il numero uno del club azzurro voleva sentire. Sarri è lì, nella sala da pranzo di casa sua, a Varcaturo, dove il vertice ha luogo. Non se ne sta completamente muto, ribatte con qualche battuta, replica con qualche frecciatina, ma prende tempo. Altro tempo. E rinvia. Sente il fiume di frasi che il presidente gli fa scorrere sul tavolo e conferma i suoi dubbi: non sa ancora cosa farà, anche perché ancora un po' gli bruciano le critiche del presidente degli ultimi tempi. Il ds Giuntoli prova a mediare e a far comprendere che in fondo quella dell'allenatore è solo una legittima pausa di riflessione. Ma era un incontro necessario, dopo gli affondi di De Laurentiis che Sarri ha soltanto finto di aver assorbito bene. Ma per cui è rimasto assai male. L'appuntamento di ieri ha fatto superare la fase critica. E sotto questo aspetto, un buon passo in avanti. Non l'inizio di una vera trattativa, ma un incontro preliminare per capire cosa vuole la rispettiva controparte.

Il popolo di chi teme di rimanere orfano di Sarri, attorno alle 15, quando il tecnico del Napoli fa il suo ritorno a Castel Volturno comincia a interrogarsi e a guardare il camino del centro tecnico. No, la fumata non è bianca. È nera, magari non nerissima. Ma Sarri e il Napoli non hanno ancora trovato un'intesa per la permanenza del tecnico. Una permanenza che deve essere convinta e non forzata. Ne riparleranno a breve, magari già stasera prima o dopo la cena a Villa D'Angelo Santa Caterina, ma il patron non potrà arrivare all'appuntamento con la squadra con l'annuncio della permanenza di Sarri. Per i giocatori sarebbe stato il regalo più bello: forse persino più bello del bonus da 3 milioni di euro che il Napoli - compreso lo staff tecnico e quello sanitario - si dividerà per la qualificazione in Champions. E la cosa non deve stupire perché Maurizio è tecnico che plagia, uno stregone che strappa il cuore, un incantatore della parola e della vittoria".