TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



MERCOLEDÌ 13 MARZO 2019 - INTERVISTE

ASSESSORE BORRIELLO: «IL MODELLO ARLECCHINO PER IL SAN PAOLO NON CI SARÀ! LAVORIAMO SU DIVERSE TONALITÀ DI AZZURRO...»


«La nostra missione è rimettere a posto lo stadio»


 
     
0


A cura di: Redazione
Fonte: Gonfialarete.com

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Borriello, assessore allo sport del Comune di Napoli

La nostra missione è rimettere a posto lo stadio approfittando delle Universiadi fortemente volute dalla regione Campania. Alla fine della burrasca, ieri ci siamo lasciati con l’intenzione di andare avanti e chiudere nella prossima settimana, anche per essere in linea con i tempi. Non ci sono ostacoli perchè la parte tecnica e politica ha un orientamento chiaro: non vogliamo lo stadio multicolore perchè non rappresenta Napoli. Il modello arlecchino non piace, vogliamo lo stadio pieno di gente, non di colori. Quindi, si ragione sul multicolore, ma tutte di tonalità di azzurro perchè cielo e mare sono cose belle di Napoli e che non tutte le città hanno. Ci sarà una sfumatura dal celestino al grigio scuro e nel livello inferiore stavamo ragionando sul mescolare maggiormente questi colori, mettendo anche un po’ di giallo e marrone scuro perchè è sempre meno frequentato rispetto livello superiore.

Ho detto a De Laurentiis di non preoccuparsi dello stadio vuoto e mi spiace aver citato Ronaldo, ma volevo dire che comprando calciatori, i tifosi tornano allo stadio. Il problema non è sediolino colorato, ma lo stadio vuoto e questo si riempie anche senza vincere, ma con le attrazioni. Il sediolino colorato serve a far finta che lo stadio sia pieno e anche questo ho detto a De Laurentiis. Ha un po’ sbottato e non ripeto gli aggettivi, ma ci può stare perchè ognuno ha il suo giudizio. Dico solo che se riuscissimo a lavorare un po’ meglio insieme, faremmo meno brutte figure. Detto questo, la riunione di ieri si è chiusa con un importante passo in avanti. L’ultimo anello non esisterà più, sarà smontato e verrà anche schermato per evitare quella visione brutta. La copertura invece resta, non riusciamo a toglierla mentre la verifica dei bulloni si farà con calma”.